Carrello


Concorso Tempo Limite


First slide
Info

Concorso Tempo Limite

Regia: AA.VV.

Interpreti: AA.VV.

Italia, 2017, 70'

Nella Rassegna

Il concorso Tempo Limite
Il concorso Tempo Limite

Nell’anno del 70esimo anniversario della Fondazione Cineteca Italiana è stato lanciato, in collab...

Vai alla Rassegna
Scheda

CORTI 7 minuti

Moto a luogo

R., sc., prod: Virginia Torna, fot.: Daniele Botteselle; mont.: Marco Pagni Movie & Sound, Italia, 6’43’’.
Riprese di treni a tempo di musica

Save

R., sc., mont., suono: Davide Calvaresi; fot.: Luciano Federici; musica: Andrea Pulcini e Paola Mirabella, prod Cristiana Candellero, Lucia Carolina De Rienzo, Casa Marziano, Experimental Film Virginia, Italia, 6’ 33’’.
Il linguaggio tecnologico utilizzato nei programmi che usiamo quotidianamente sui nostri computer, spesso rimanda al movimento: apri, sposta, copia, avanti, indietro... “Save” è la trasposizione nel mondo reale di questo vocabolario, attraverso l'utilizzo di queste parole, viene, infatti, realizzata una sceneggiatura video-coreografica. Con ironia e leggerezza, questo cortometraggio suggerisce una riflessione sui mutamenti delle nostre abitudini, gesti, azioni sotto l'influenza degli strumenti tecnologici. Che potere ha la tecnologia sul nostro corpo, quali sono i ricordi che salviamo e perché?

Moonseekers

R., sc.: Pietro Taronna; fot.: Giuseppe Campo; mont.: Abu Seew, Italia, 7’58’’.
Una famiglia viaggia per il mondo nel senso opposto a quello in cui gira la terra per evitare la luce del sole. I membri sono affetti da una malattia genetica che gli impedisce di stare alla luce del sole. É un viaggio nel tempo?

Vita e morte a Varanasi

R., sc., fot., mont., mus., prod.: Luca Macchiavelli, Italia, 7’.
Varanasi è una delle più antiche città ancora abitate, la città dove vita, morte e umanità si fondono tra di loro creando quel perfetto equilibrio che è la porta per capire l’India e la sua cultura.

Immagine residua

R., sc., mont., mus.: Marco Belli; fot., prod.: Marco Belli, Jacopo Lonati, Italia, 6’23’’. 
I rituali di una coppia da poco scomparsa sono perpetuati dagli oggetti della loro casa, i quali riproducono ciclicamente la loro quotidianità.


Tempo di volo

R., sc.: Aldo Capsoni; fot., mont., suono: Neilda mendoza; prod Interlinea Project, Italia, 6’ 58’’.
Quando guardiamo il cielo frettolosamente non ci accorgiamo del lento movimento delle nuvole. Solo quando ci soffermiamo a guardare il cielo ci accorgiamo del lento passaggio delle nuvole e il nostro tempo, magicamente, rallenta. Il respiro, prima affannoso, si pacifica con i colori e i suoni che scopriamo intorno a noi. Solo il volo degli uccelli interrompe il tempo dei nostri pensieri.

Gina

R., sc., fot., mont.: Riccardo Borghi; Italia, 7’. 
Il tempo è la voce dell’anima. Il cortometraggio racconta le libere riflessioni di una nonna. Sul tempo che è stato e sul tempo che ancora deve venire. Sulla vita, sulla morte, sull’aldilà. Tempo di rimpianti, di speranze. Tempo per quello che è: l’infinito vissuto e l’infinito mistero.


CORTI 70 SECONDI

The Runner

R., sc., mont.: Lorenzo Mannino; fot.: Giuseppe Bonasia; mus.: Danilo Randazzo; suono: Lorenzo Cioglia; prod: Giulio Cannata, Italia, 70’’.
Un uomo corre con delle rose in mano, incontrando diversi imprevisti durante la sua folle corsa: qual è la sua vera destinazione?

Dannato tempo

R.; sc., fot., mont.: Alessandra Galbiati, Luigia Marturano, suono: FreeSound Creative Commons, prod: Oltre la Specie Onlus, Italia, 70’’.
“Dannato tempo” è dedicato a tutti gli animali a cui il tempo è rubato, concesso solo come dannazione. Dannato tempo, il loro. Le loro vite si concatenano, programmate l’una nell’altra, solo in funzione dei bisogni di altri. Nello scorrere di questo tempo ininterrotto, la singola vita non conta nulla, mentre per ciascun protagonista è l’unica occasione possibile: imposta e strappata al contempo. 

Life is on the move

R.: Viceversa; sc.; Maria Guidone; fot., mont.: Jacopo Mutti, prod: Guidone apulia factory, Italia, 70’’.
ll progetto è nato da una riflessione sul movimento inteso come rapporto tra spazio e tempo. Ci siamo chiesti: cosa succede quando il tempo entra nello spazio e genera il movimento? Succede che le immagini iniziano ad animarsi. Succede che nasce il cinema. Succede che diventa possibile raccontare per immagini tutte le variazioni di velocita delle nostre percezioni: l’attesa rallenta il tempo, la felicità vorrebbe arrestarlo, l’ansia lo accelera.

Dione

R., sc., fot., mont.: Silvana Zancolò; mus.: Brian R. Earl, suono, prod.: Paolo Lato, Italia, 71’’.
L'amore impossibile tra due astronauti che vengono lanciati su Saturno negli anni Cinquanta.

Sono nata oggi

R., sc., prod: Giovanna Volpi; fot. Luca Rotondo, suono: Tanino Musso; mont.: Pietro Fanti, Italia, 70’’.
Marija si sveglia ogni giorno e non ricorda chi sia e quanti anni abbia. Però sa che se fosse nata due anni più tardi sarebbe due anni più giovane.

Lifetime

R., sc., fot., mont., prod: Filippo Gobbato, Italia, 70’’.
Tempo e vita sono due concetti inscindibili. Ogni essere vivente si muove in un tempo limitato, ogni tempo conosce un inizio e una fine.  Eppure abbiamo a disposizione uno strumento in grado di distillare la vita e farla riverberare più a lungo.

Wait

R., sc., fot., mont., suono: Roberto G. Pellegrino, Italia, 70’’.
Abbiamo rinchiuso la nostra vita, le nostre amicizie, le nostre esperienze nei social network. Sono sempre con noi, il nostro pensiero è costantemente a quella realtà virtuale; viviamo immersi nella nostra individualità senza renderci più conto di ciò che abbiamo intorno, delle persone, dei luoghi, del nostro rapporto con il mondo, incatenati ad un tempo superficiale e fittizio, essenzialmente statico. Nella nostra perenne attesa, priva di qualsiasi speranza di sviluppo, il tempo scorre senza di noi. 

Tracicale

R., sc., fot., prod.: Aurora di Girolamo; mont.: Riccardo Bianchi, Italia, 50’’.
Il suono delle cicale scandisce il tempo di un estate calda, il ritmo è musica. La ripetizione ossessiva ipnotizza e rassicura, l’interruzione improvvisa deflagra. Il silenzio di un interruzione improvvisa sconcerta.

Programmazione

Info Generali

le sale aprono mezz'ora prima dell'inizio della proiezione

  • dal lunedì al venerdì
    dalle 16:30 alle 21:00
  • sabato e domenica
    dalle 14:30 alle 21:00
Se non ci sono proiezioni in programma le sale rimangono chiuse

  • Ingresso intero: € 7,50
  • Ingresso ridotto*: € 6,00
  • Ingresso Abbonamento Musei Lombardia e studenti universitari: € 6,50
  • Ingresso giorni feriali spettacolo ore 17: € 7,50 intero o € 5,00 con cinetessera
  • Cinetessera annuale valida da gennaio a dicembre: € 10,00
  • Abilitato per APP 18 e CARTA DOCENTI

*Riduzioni: Cinetessera, studenti universitari muniti di tessera universitaria.

I biglietti possono essere acquistati in prevendita alla cassa di Spazio Oberdan da una settimana prima dell'evento, nei giorni e negli orari di apertura della biglietteria.

Come Raggiungerci

Spazio Oberdan
Viale Vittorio Veneto 2, angolo piazza Oberdan
Milano
Tel: 0283982421