messner
 

Al Cinema Spazio Oberdan i film vincitori del Trento Film Festival 2017

 

Dal 15 al 21 maggio ha luogo presso Cinema Spazio Oberdan l’8. edizione del Trento Film Festival a Milano, che ripropone i film vincitori della 65. edizione del Trento Film Festival.

Tra i titoli proposti, Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Boliviae e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, film vincitore del 65. Trento Film Festival.

La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e regista), Fridrik Thor Fridriksson (regista e produttore cinematografico) Anastasia Plazzotta (produttrice e distributrice cinematografica) e Andrea Segre (regista), ha assegnato all’opera la prestigiosa Genziana d’oro miglior film – Gran Premio città di Trento, con la seguente motivazione: “Un personaggio unico e universale allo stesso tempo, raccontato con grande coerenza estetica e profondo rispetto umano, in uno stile documentario puro e onesto che ci aiuta a riflettere su un tema di grande urgenza”.

La Genziana d’oro miglior film di alpinismo – Premio del Club Alpino Italiano è stata invece assegnata al documentario Dhaulagiri, ascenso a la Montaña Blanca di Christian Harbaruk e Guillermo Glass (Argentina, 2016) con la seguente motivazione:  “Tra i pochi film del concorso in questa categoria, la Giuria ha voluto dare un riconoscimento all’umiltà, alla sobrietà e alla correttezza etica con cui il regista e i protagonisti hanno ricostruito la loro drammatica spedizione in stile alpino”. Il film racconta la storia di quattro amici argentini, Guillermo, Christian, Sebastián e Darío, che decidono di girare un documentario sulla loro ascesa al Dhaulagiri. Ma Darío muore durante il tentativo di raggiungere la vetta in solitaria.

Il premio Genziana d’oro miglior film di esplorazione o avventura – Premio Città di Bolzano è andato al documentario Diving into the unknown di Juan Reina (Finlandia, 2016). La giuria ha assegnato il premio con la seguente motivazione: “Quando un’avventura sportiva si trasforma in dramma ci si chiede quale sia il senso di una passione comune e come si possa mettere la propria vita in gioco per amicizia e rispetto reciproco. Un film che esplora le profondità dell’animo nordico, una lezione sulla cultura dell’impegno. Una storia incredibile, straziante e coinvolgente”.

Menzione speciale a Becoming Who I Was di Chang-yong Moon e Jin Jeon, che si aggiudica anche il Premio del pubblico – Miglior lungometraggio Acqua Levico.

 

Guarda tutti i film vincitori

Tante inoltre le anteprime del TFF che saranno riproposte a Milano: Still Alive- Dramma sul Monte Kenya primo lungometraggio di Reinhold Messner, Everest – The Summit of the Gods, kolossal giapponese tratto dall’omonimo romanzo che ha ispirato anche una fortunata serie di manga disegnati da Jiro Taniguchi. Montagna e spiritualità nei film Strangers on the Heart, viaggio lungo il Cammino di Santiago, e Becoming who I was, su un bimbo riconosciuto come la reincarnazione di un monaco tibetano. Da non perdere l’ultimo lavoro di Jean-Michel Bertrand La vallée des loups e Mira, documentario sulla giovane sky runner nepalese che da bambina soldato è riuscita a diventare un’atleta da record.

Ospiti
Lunedì 15 maggio ore 19.00 ospite Filippo Salvioni, regista del film Ragni, a seguire alle ore 21.00 Sandro Filippini presenta il primo lungometraggio realizzato da Reinhold Messner Still Alive- Dramma sul Monte Kenya. Martedì 16 maggio alle ore 19.00 Paola Nessi presentail suo film  Il senso della libertà – Vita di Gigi Alippi, membro storico de I Ragni di Lecco.

Destinazione Islanda
Quest’annoil focus sul paese “ospite” è l’Islanda, un luogo unico sempre più al centro della curiosità e nuova meta di turisti e viaggiatori. Proponiamo al pubblico 3 documentari presentati in anteprima al TFF e 2 film ambientati nella terra dei ghiacci: L’effetto acquatico e Virgin Mountain.

Eventi speciali   
Presentazione del nuovo dvd della collana I tesori del MIC La famiglia AEM: azienda, comunità, welfare, lavoro nato da una collaborazione annuale tra Fondazione Cineteca Italiana e Fondazione Aem – Gruppo A2A.

 

Consulta tutta la programmazione

 

2011 Fondazione Cineteca Italiana p.iva 11916860155

Progetto e sviluppo smarketing