img_7749
 

AL MIC VI ASPETTA IL CINEMOBILE!

 

Nell’atrio di ingresso del MIC sarete accolti dal Cinemobile Fiat 618, che grazie alla collaborazione con Epson, che ha fornito un proiettore Laser della durata di oltre 40 anni, è possibile vederlo in funzione in tutto il suo antico splendore!

 

CHE COS’E’ UN CINEMOBILE

GUARDA LE FOTO STORICHE DEL CINEMOBILE

 

LA STORIA DEL CINEMOBILE
Uno di quei veicoli era il Fiat 618 Cinemobile Sonoro del 1936, utilizzato dall’Istituto Luce prima durante il regime fascista, poi per oltre vent’anni sotto le direttive del Servizio Informazioni della Presidenza del Consiglio della Repubblica Italiana. Fra gli anni ’30 e gli anni ’60, il furgone, appositamente modificato per poterlo dotare delle apparecchiature audiovisive per la proiezione d’immagini, va in giro per l’Italia e grazie a un apparato sonoro “Balilla” e un cine-proiettore “Victoria V” per pellicole 35 mm, propone cinegiornali, documentari e film. Le immagini erano visibili grazie a uno schermo posizionato davanti al cofano motore e inserito all’interno di un telaio. Durante la Seconda Guerra Mondiale, il Cinemobile dovette interrompere la sua attività di cantastorie on the road, e nel 1944 il mezzo emigrò a Venezia e fu utilizzato dalla Repubblica di Salò. Dopo la Liberazione tornò a Roma, e riprese la sua attività per tutti gli anni ’50 e i primi anni ’60. La sua carriera s’interromperà nel 1964, quando viene abbandonato tra le carcasse di un cimitero d’auto alla periferia di Roma. Dopo vari passaggi di proprietà, nel 1996 viene acquistato da Regione Lombardia e restaurato ad opera della ditta bresciana Storicar nei primi anni 2000. Dal 15 ottobre, il MIC sarà la sua nuova casa stabile.

 

Il cinemobile, grazie al supporto tecnico di EPSON Italia, è stato dotato di un video proiettore laser senza lampada, tecnologia molto avanzata che garantisce oltre 40 anni di funzionamento – in media la lampada di un proiettore dura circa sei mesi.

 

 

 

2011 Fondazione Cineteca Italiana p.iva 11916860155

Progetto e sviluppo smarketing